Lunigiana

“Quando sono arrivata in Lunigiana per la prima volta, è stata una novità per me: ti coinvolgono in tutto. Conosci il sindaco, l’assessore, il personale della Società della Salute…e condividi davvero. Qui le istituzioni sono davvero vicine alle persone. Fuori di qui non ho mai trovato niente di simile”.
(Luisella, membro del Comitato di Partecipazione Zonale)

“La Lunigiana sarebbe da copiare. Qui le istituzioni e il Terzo Settore sono riusciti a creare insieme una rete di servizi mai vista. Su un territorio che spesso viene considerato come frammentato dal punto di vista geografico, in realtà c’è un’unica rete molto unita. Queste persone sono fiori dei nostri giardini.”

(Milagros, membro del Comitato di Partecipazione Zonale e Aziendale)

Sulle Alpi Apuane, incastonata tra Liguria ed Emilia all’estremo confine nord della Toscana, la Società della Salute della Lunigiana unisce gli sforzi di 14 comuni e della Azienda USL Toscana Nord-Ovest.

 

L’area della Lunigiana è compresa tra l’Appennino Tosco-Emiliano, il fiume Magra e le Alpi Apuane, e i suoi cittadini vivono sparsi nelle numerose frazioni comunali dislocate nelle aree collinari e montane. Già nel 2005 le amministrazioni locali della Lunigiana hanno deciso di amministrare i servizi socio-sanitari in maniera congiunta in via sperimentale, con risultati soddisfacenti che hanno motivato gli enti locali a proseguire in questa direzione.

Sin dalla sua nascita, la Società della Salute Lunigiana ha contato molto sul contributo dei cittadini, coinvolgendo i Comitati di Partecipazione e la Consulta del Terzo Settore nelle attività di programmazione, e allargando spesso la partecipazione anche ad altre realtà del territorio attraverso le Agorà della Salute: un incontro annuale aperto a tutta la popolazione.

Anche così è nata l’Officina delle Idee: un percorso di partecipazione avviato dalla SdS che nel 2020 ha coinvolto in una serie di tavoli tematici di amministratori locali, rappresentanti dei cittadini nelle istituzioni, dell’associazionismo, del Terzo settore e dirigenti scolastici, con l’obiettivo di raccogliere idee per la redazione del Piano Integrato di Salute 2020.


Alcune delle realtà coinvolte in questo percorso partecipano anche al Comitato di Partecipazione Zonale. Il Comitato è composto ad oggi da 12 associazioni del territorio.                              

                         

Aulla, Bagnone, Casola in Lunigiana, Comano, Filattiera, Fivizzano, Fosdinovo, Licciana Nardi, Mulazzo, Podenzana, Pontremoli, Tresana, Villafranca in Lunigiana, Zeri.

ASL Toscana Nord-Ovest

Auto Aiuto Mutuo Aiuto

Manfredo Giuliani

Paraplegici Provincia Massa Carrara

Volontari Ospedalieri

Federazione Nazionale Pensionati CISL

Organizzazione Radio CB Villafranca in Lungiana

UIL Pensionati Carrara

Sindacato Pensionati Italiano CGIL

Avis Zonale Lunigiana

Associazione Lunigianese Disabili (ALDI)

Le mie radici.

Ass. Lucciola…Una Voce

calendar
Prossimo incontro

Sperimentazione del progetto (data da destinarsi)

Avanzamento dei lavori

Siamo spiacenti, non hai ancora aggiunto alcuna storia

Diario di Bordo

La progettazione partecipata in Lunigiana

Si sono concluse lo scorso mercoledì 7 luglio le attività di progettazione partecipata nella zona Lunigiana. Nelle fasi precedenti del percorso, il Comitato di Partecipazione Zonale …

LEGGI IL RESTO →

Gli incontri di capacitazione dei Comitati: realizzarsi appieno, per realizzare la L.R. 75

Gli incontri di capacitazione dei Comitati: realizzarsi appieno, per realizzare la L.R. 75   Spesso i rappresentanti che arrivano a far parte dei Comitati di …

LEGGI IL RESTO →

Aperta la manifestazione d’interesse per Attivatori di Comunità

Partecipare alle politiche di salute zonali si può, diventando Attivatori di comunità Per Regione Toscana è importante che i territori siano animati da comunità attive, …

LEGGI IL RESTO →
Come posso partecipare?
Invia la tua candidatura come attivatore di comunità!

Tutti possono contribuire a migliorare la partecipazione alle scelte di salute del territorio diventando Attivatori di Comunità volontari e prendendo parte alle attività del progetto.

La sperimentazione in corso

Il contesto

Le persone fragili, le persone anziane, con background migratorio o giovani, hanno difficoltà a muoversi sul territorio, che per la sua conformazione geografica può rendere facilmente soli e isolati. 

La soluzione

Permettere di accedere con più facilità a beni e ai servizi del territorio, in particolare quelli che ospitano occasioni di socializzazione. Lo faremo attraverso la “Portineria di Borgo”, uno sportello offerto dai volontari per raccogliere le esigenze dei cittadini in termini di mobilità e trasporto. I volontari cercheranno di rispondere a questi bisogni coordinandosi con le realtà associative locali.